Portafoglio Italia: una soluzione per i risparmi a questi strani giorni

Che dire? Sono tempi strani questi. Qui in Italia abbiamo il ministro dell’economia Tria, ministro del “sovranista” governo, che è sostanzialmente tenuto sotto sequestro a Brussels costretto a riportare sotto dettatura i desiderata della commissione UE. Ormai possiamo dire che la strategia portata avanti dal governo italiano fa invidia anche al Tsipras dei tempi migliori. Ci auguriamo solo che ciò non Continua a leggere…

Portafoglio Italia: altra settimana turbolenta

Ormai le righe verdi sono decisamente predominanti rispetto a quelle rosse nel nostro report. Questa potrebbe essere una magra consolazione per alcuni, ma in un contesto con una volatilità che non era più apparsa da anni, riuscire a limitare i danni settimana per settimana è una condizione necessaria per poi tornare in utile in tempi brevi quando il mercato si girerà. Continua a leggere…

Portafoglio Italia: un antidoto alla classe dirigente italiana

Il titolo può sembrare provocatorio ma sembra proprio che il “governo del cambiamento” non sia poi così più convinto del proprio cambiamento, ma che lentamente stia scivolando verso la sindrome Tsipras (come ci ha messo in guardia il prof Sapelli). Conoscendo alcuni “guru” che ispiravano le politiche di contrapposizione con l’UE, abbiamo capito che tutto il polverone sollevato non sarebbe andato oltre un “rumore bianco” (e non approfondiamo oltre).

Avendo ben chiaro ciò in mente abbiamo continuato le nostre analisi sempre sottolineando che non avremmo potuto predire quando questo rumore bianco sarebbe durato (lo farà ancora per un po’) ma alla fine Continua a leggere…

Portafoglio Italia: un esempio di scelte oculate

Questa è stata un settimana che mostra quanto sia importante diversificare il proprio portafoglio ma con intelligenza. Infatti, come ebbe a dire Warren Buffet, diversificare comprando un po’ di tutto significa semplicemente non aver idea di ciò che può creare valore e ciò che non può.

I numeri settimanali del nostro Portafoglio Italia spiegano meglio la cosa: se avessimo comprato un po’ di tutto in Italia, ad esempio con un ETF sul FTSE-MIB, avremmo fatto un altro -0,86%, mentre il nostro Portafoglio Italia non ha fatto una grinza rimanendo  Continua a leggere…

Bene il Portafoglio Italia, male il FTSE MIB

Il Portafoglio Italia ha ancora una volta di più dimostrato la propria qualità rispetto al proprio benchmark FTSE-MIB. Questa settimana la divergenza delle due performance è ancora più evidente, infatti, a fronte di una performance negativa del FTSE-MIB di -0,68%, il nostro Portafoglio Italia ha guadagnato un +0,29%.

Il grafico sotto riportato evidenzia Continua a leggere…

Portafoglio Italia: tempi maturi per un rimbalzo?

L’indice FTSE-MIB è arrivato a quota 18683 punti con un altro -2,08%. Il livello di supporto indicato nel precedente post ha retto ed i prezzi attuali di alcuni titoli cominciano ad essere interessante. In particolare ci sembra che il titolo Azimut e Poste Italiane, che sono presenti nel nostro Portafoglio Italia, ormai fanno segnare prezzi veramente interessanti: ciò non significa che da lunedì inizieranno a crescere, ma per chi avesse intensione di entrare gradualmente nel mercato (magari con un piano d’accumulo), questi sono sicuramente due titoli interessanti.

Un altro titolo interessante è Continua a leggere…

Portafoglio Italia: ancora un’altra settimana meglio del FTSE-MIB

La novità ampiamente annunciata di questa settimana è il declassamento del debito italiano da parte di Moody’s da Baa2 a Baa3. Niente di imprevisto, come abbiamo detto qui, anzi, se volessimo vedere il bicchiere mezzo pieno potremmo dire che l’outlook è stabile ed era questo aspetto la vera incognita: ciò significa che a breve non ci sarà un ulteriore declassamento.

Per il resto, questa è la quinta settimana consecutiva che Continua a leggere…

Il Portafoglio Italia ai tempi del governo del cambiamento

Diciamocelo chiaramente: l’unica cosa positiva della settimana è stata la solita, il Portafoglio Italia ha fatto meglio del FTSE-MIB. Osservando però le performance settimanali, con altrettanta chiarezza, diciamo che è una magra consolazione: -4,3% contro -5,36% del FTSE-MIB (trovate l’aggiornamento qui). Certo mettiamoci anche che gli altri indici non sono andati un granché in questi tempi, ad esempio il NASDAQ è riuscito a fare più di -4% in una sola seduta! Quindi, se paragonato al contesto, il Portafoglio Italia si è al solito dimostrato più robusto e lo dimostra soprattutto nei momenti più difficili, allargando ancora la differenza di lungo termine con il suo benchmark -8,03% vs -17,81% ossia abbiamo più che dimezzato le perdite. Inoltre, vista l’alta volatilità, un -8% potrebbe essere recuperato anche 2 o 3 settimane.

Ciò che ci sconcerta è Continua a leggere…