Con la Juventus un +16% a fine anno

Condividi

Dopo le vacanze pasquali torniamo ad occuparci di certificati d’investimento. Questa volta lo facciamo su un titolo che solitamente non trattiamo mai, anzi, ad essere sinceri è un settore da cui normalmente ci teniamo alla larga. Il settore è quello delle squadre di calcio e la squadra in questione è la Juventus.

Come saprete dai i nostri post sul Portafoglio Italia, il nostro stile d’investimento è quello value e stabilire quale sia il valore di una squadra di calcio ci è sempre sembrato assai arduo.

Inoltre lungi da noi farci influenzare da qualsiasi fede calcistica, siamo piuttosto agnostici in materia, quando si tratta di investimenti l’unico nostro criterio è la razionalità.

Come mai quindi questa scelta? Più volte abbiamo sottolineato come i certificati ci permettano di fare della analisi sia temporali che di prezzo che invece il titolo non ci consente.

Vediamo il caso concreto e ciò risulterà più chiaro. Il certificato che stiamo monitorando è un bonus cap con le seguenti caratteristiche:

 

1 – ISIN: DE000HV40QF7

2 – Bonus: 116€

3 – Barriera: 0,48675€

4 – Scadenza: 20/12/2018

Attualmente il certificato è acquistabile a 100€.

 

Come funziona quindi? Semplice: se il titolo della Juventus, da qui al 20/12/2018 (data di scadenza), non scenderà MAI sotto la quota della barriera il certificato verrà rimborsato con 116€.

La Juventus ha chiuso la seduta di venerdì a 0,619€ ossia dista il 21,36% dalla barriera. Quindi anche se il titolo arrivasse a perdere il 21,35% da qui a fine anno (8 mesi) noi guadagneremo comunque il 16% (24% annuo).

Non solo, dobbiamo anche considerare che più passa il tempo più il certificato tenderà ad avvicinarsi al livello del bonus (116€) perdendo la correlazione con il titolo sottostante. Se consideriamo che il campionato finirà il 20/05 e ricomincerà a settembre, in quei 3 mesi e mezzo il titolo non dovrebbe muoversi più di tanto e, come abbiamo capito, per noi più passa il tempo e più il prezzo del bonus salirà (nella ipotesi che il sottostante non vari molto di prezzo).

Vediamo infine l’analisi tecnica per capire dov’è posta la barriera ed individuare gli eventuali punti d’ingresso.

Per vedere la barriera è necessario ricorrere alle barre mensili:

Come vedete per rivedere i prezzi della barriera è necessario andare indietro a marzo 2017 ed inoltre tale prezzo è proprio nei pressi di un supporto forte testato più volte.

Il grafico giornaliero invece ci può suggerire invece dei punti d’ingresso.

Un primo supporto è individuabile attorno a 0,585€ ed ancora più importante è il supporto attorno a quota 0,52€. Naturalmente se nelle prossime sedute il titolo dovesse raggiungere tali livelli il certificato si abbasserà di prezzo facendo ulteriormente aumentare il guadagno potenziale.

Ricordiamo infine che si tratta di un investimento ad alto rischio (ed alto rendimento) e quindi di destinare una parte minima del capitale.

3 thoughts on “Con la Juventus un +16% a fine anno”

    1. Buongiorno, basta cliccare su “condividi per continuare a leggere” e appaiono tutte le informazioni del certificato tra cui anche l’ISIN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *