Aggiornamento Portafoglio Italia 2018: recupero rispetto la settimana scorsa

Settimana di recupero sia per il FTSE MIB che per il nostro Portafoglio Italia. Entrambi hanno dimezzato le perdite rispetto alle settimana scorsa. Nel precedente aggiornamento avevamo messo in evidenza come il violento ribasso fosse dovuto più al cambiamento della natura dei mercati sempre più automatizzati che non a ragioni fondamentali come il rendimento del T-Bond, invitando gli investitori alla calma. Questa settimana sembra averci dato ragione, ma pensiamo anche che la volatilità proseguirà nella prossime settimane.

Venendo ai numeri: il supporto indicato qui posto a 22000 per il FTSE MIB ha tenuto facendolo rimbalzare a 22797 con un +2,84% rispetto al 09/02 (in cui aveva fatto -4,86%).

Il Portafoglio Italia ha ridotto il recupero ma proprio perché meno volatile dell’indice e perché aveva subito un minore ribasso la settimana scorsa facendo un +1,71% contro -3,21% precedente.

Infatti le performance dall’inizio (12/01/2018) rimangono migliori del FTSE MIB con un -1,15% contro -2,70%, confermando che una minore volatilità e maggiore qualità del portafoglio ripaga soprattutto nei periodi di maggior nervosismo dei mercati.

Potete consultare le serie storiche del portafoglio Italia ed il confronto con il FTSE MIB qui.

Portafoglio Italia 2018, il titolo industriale batte le attese: +2,3%

Malgrado i rialzi da inizio anno, il FTSE MIB, ed in generale i mercati azionari globali, sembra non volere arrestare la propria corsa mettendo a segno un +0,48% nella settimana appena trascorsa. Il nostro Portafoglio Italia (che potete scaricare qui) ha fatto decisamente meglio con un +1,16%. Le serie settimanali sia del Portafoglio Italia che del FTSE sono reperibili cliccando qui.

Il miglior titolo della settima è stato l’unico titolo industriale presente nel nostro portafoglio con un +2,3%.

L’azienda in questione è una società con sede in Italia che progetta, produce e commercializza prodotti per il comfort di casa e business. Continua a leggere…

L’insostenibile forza dell’EURO

Oggi saremo estremante sintetici, per evitare di ripeterci! Indovinate cos’è successo all’inflazione nell’eurozona? È sotto le attese.

Le attese di chi? Magari di quelli che fideisticamente fanno da megafono a certi interessi che nulla hanno a che fare con i dati e poi debbono riportare notizie come queste. Le nostre attese invece erano di tutt’altro genere. Ve lo ricordate il primo post di questo sito? A distanza di diversi mesi non c’è un granché da aggiungere. Se non forse esplicitare meglio una cosa: la BCE non può nulla contro la contrazione dell’inflazione, cioè non può nulla per controllare l’unica variabile economica che nel suo mandato sarebbe tenuta a controllare.

Torneremo nei prossimi post ad affrontare questo tema e le sue implicazioni. Per adesso limitiamoci al grafico EUR/USD: Continua a leggere…

Continuare ad investire su STM ma con prudenza

Torniamo oggi a parlare di certificate. Prima di tutto ci teniamo a segnalare che per chi la settimana scorsa avesse seguito i consigli sul certificate Wrost of indicato qui, avrebbe già avuto ottime soddisfazioni. Stabilito ciò veniamo all’argomento di questo post.

Il sottostante su cui ci focalizzeremo oggi è un’azienda italo-francese che opera nel settore dei semiconduttori: stiamo parlando STMicroelectronics.

La STMicroelectronics N.V, insieme alle sue controllate, progetta, sviluppa, produce e commercializza prodotti di semiconduttori, sottosistemi e moduli elettronici in tutto il mondo. L’azienda offre un’ampia gamma di componentistica elettronica tra cui circuiti integrati specifici per applicazioni, dispositivi completamente personalizzati e dispositivi semi-personalizzati e prodotti standard specifici per applicazioni analogiche, digitali e a segnali misti, sotto forma di chip di silicio e smartcard. Fornisce inoltre sottosistemi e moduli, compresi accessori per telefoni cellulari, caricabatterie e alimentatori ISDN per i mercati delle telecomunicazioni, automobilistico e industriale.L’azienda vende i suoi prodotti attraverso i suoi distributori e rivenditori, nonché attraverso rappresentanti di vendita.

Il fatto che la Internet of Things (IoT) sia ormai considerato un dei settori globali con le maggiori prospettive di crescita e sicuramente STM ha molto beneficiato di ciò. In effetti i risultati Continua a leggere…