Altra posizione su Airbnb

Condividi

La settimana appena trascorsa ha fatto registrare ancora nuovi massimi storici sugli indici americani. In realtà la giornata di giovedì aveva fatto pensare all’inizio di un ritracciamento fisiologico dovuto sia all’incessante crescita degli ultimi mesi sia ad un puro fattore di stagionalità. L’ultima seduta della settimana invece a sostanzialmente rimangiato quasi tutto il ribasso della giornata precedente come è bene illustrato nel grafico del Nasdaq sotto riportato:

Sicuramente i dati di NVIDA l’hanno fatta da padrona. Per quanto io possa essere sempre prudente, bisogna ammettere che sono numeri mostruosi di crescita neanche raggiungibili da una start-up, invece stiamo parlando della terza società per capitalizzazione! Per sintetizzare, il colosso dei chip ha annunciato di aver concluso il suo primo trimestre fiscale con un utile netto di 14,81 miliardi di dollari, ovvero 5,98 dollari per azione: una cifra straordinaria, considerando che nello stesso periodo del 2023 l’utile era stato di 2,04 miliardi di dollari, pari a 82 centesimi per azione.

L’utile per azione (diluito) GAAP è così aumentato del 629% su base annua, registrando anche un incremento del 21% rispetto al trimestre precedente.

Notevole anche la crescita dell’utile per azione adjusted non diluito, che è salito del 461% su base annua raggiungendo i 6,12 dollari, superando ampiamente i 5,59 dollari previsti dagli analisti interpellati da LSEG.

Anche i ricavi hanno registrato cifre da capogiro, con un incremento del 262% su base annua a 26 miliardi di dollari, superando le stime del consensus che prevedevano 24,65 miliardi di dollari e aumentando del 18% rispetto al trimestre precedente.

In un contesto in cui sempre meno società fanno gran parte della capitalizzazione degli indici e quindi diversificare diventa abbastanza più complicato se si vuole aderire al benchmark degli indici azionari (perché implicitamente si deve rinunciare sempre di più alla diversificazione), il Money Management diventa sempre più importante e quello che vi voglio far vedere questa settimana è proprio un esempio di un aspetto fondamentale: reinvestire il capitale e diminuire il rischio.

Prima di iniziare vi ricordo che per coloro che apprezzano questo blog e trovano interessanti e profittevoli gli articoli presentati, possono se vogliono effetturare una donazione a questo link.

Oltre che esprimere un apprezzamento concreto, ciò permetterà di mantenere gli stessi standard d’indipendenza e qualità tenuti finora.

Ora torniamo a noi, per presentare il prossimo certificato è necessario prima riprenderne un paio vecchi di prossima scadenza. Il primo è stato presentato anche in questo blog nel 2021 con il titolo:

Guadagnare dagli affitti brevi senza avere casa” Mentre il secondo non è stato recensito però è presente nel mio portafoglio da diverso tempo ed il suo ISIN è DE000HV8BMA1.

Non mi dilungo ulteriormente sul primo certificato visto che potete leggere quanto scritto circa tre anni fa cliccando sul link (visto che l’analisi di scenario è stata poi rispettata negli anni seguenti).

Il secondo invece merita un’analisi leggermente più approfondita: È stato un certificato che nel tempo è arrivato anche a perdere il 30% e malgrado il titolo peggiore, ossia Expedia, ad oggi abbia perso il 35%, il certificato si può vendere a 100€, in altre parole sulla parità.

Investire sul certificati significa essenzialmente questo, sfruttare le asimmetrie di questo tipo di derivato: A fronte di una perdita del 35% il certificato che ha reso il 13% annuo per tre anni! Ora la situazione è un po’ più critica: manca una sola cedola alla scadenza e la barriera è comunque vicina seppure il tempo rimanente sia poco (per questo il significato quota 100 euro).

La cosa più saggia secondo me da fare, ed è quello che farò, e vedere il secondo certificato (rinunciando quindi all’ultima cedola) e portare a scadenza il primo reinvestendo tutto il capitale più la somma delle cedole incassate da entrambi sul seguente certificato:

Continua a leggere…

Nuova opportunità d’investimento sul settore della difesa per un +12% annuo

Condividi

Ciao a tutti questa settimana il post sarà leggermente più breve e sintetico del solito sia per ragioni di tempo a disposizione del sottoscritto sia perché i mercati hanno fatto registrare nuovi massimi storici e secondo me in queste situazioni è meglio restare estremamente cauti.

Il grafico sotto riportato dello S&P 500 penso che parli più chiaro di mille frasi scritte:

In queste situazioni io personalmente esco gradualmente dalle posizioni in essere o lascio scrivere alcuni certificati visto che molti vanno in autcall. Parte della liquidità così ottenuta (ribadisco solo una parte) la reinvesto su posizioni che reputo meno rischiose di quelle chiuse.

In particolare ho liquidato la mia posizione sulle azioni Rheinmetall, con un’ottima plusvalenza, a favore del seguente certificato:

Continua a leggere…

Guadagnare il 22.85% in 7 mesi sulle debolezze di Tesla

Condividi

Sono ben felice anche questa settimana di ringraziare Simone e Luca per aver dato il loro contributo alla community. È raro trovare qualcuno che faccia donazioni per qualcosa che è comunque gratuito ed è per questo che gesti di questo genere per me valgono doppio. Ricordo che chiunque voglia contribuire al mantenimento dell’Indipendenza della qualità di analisi di questa community può farlo tramite una donazione cliccando qui.

Per quanto riguarda i mercati azionari il mood positivo sembra non volersi arrestare e, sembra paradossale dirlo, i dati macroeconomici negativi della settimana scorsa hanno dato nuovo abbrivio alle quotazioni nella speranza di un taglio dei tassi nel parte della Fed a settembre. Non per fare il guastafeste, ma ricordo che il mercato si aspettava per quest’anno 7 tagli dei tassi mentre oggi andiamo a festeggiare se ce ne sarà uno nell’ultimo trimestre! Soprattutto poi gli scenari geopolitici attuali sembrano non influenzare minimamente i corsi azionari.

A mio modo di vedere c’è una mancata presa d’atto di un mondo che sta fortemente mutando e prendo spunto proprio da questa ultima riflessione per presentare le motivazioni della strategia di questa settimana.

Il mondo che sta cambiando prevede un competitore all’egemonia americana che è rappresentato dalla Cina. Da quando è entrata nel WTO ad oggi la struttura industriale e le capacità produttive di questo paese sono profondamente cambiate. Da produttore a basso costo di beni a scarso valore aggiunto, la Cina ormai riesce a competere in vari settori ad alta tecnologia ed uno di questi è sicuramente quello delle auto elettriche. Già si sente un grande parlare di sopra capacità produttiva della Cina e di concorrenza sleale e vedrete che nei prossimi anni queste argomentazioni saranno sempre più presente nei media occidentali.

La verità è che nei processi produttivi di auto elettriche il costo della manodopera non è poi così rilevante, o meglio, sufficiente a giustificare il vantaggio competitivo di industrie tipo BYD. La verità è che mentre le case automobilistiche europee ed americane erano più impegnate a distribuire dividendi ed ha effettuare buyback delle proprie azioni, le aziende cinesi, anche con l’aiuto del governo (ma questa non è una peculiarità della regina visto che quasi tutte le compagnie automobilistiche hanno ricevuto in qualche modo sussidi), si sono concentrate sulla ricerca e sviluppo di questi nuovi tipi di veicoli, che, piaccia o no, rappresenteranno il futuro del Automotive.

Ricordate sempre che se ad una civiltà le uniche armi che rimangono a disposizione sui settori tecnologici sono i dazi o addirittura il rifiuto della tecnologia in questione, tipo riedizione di fenomeni luddistici, significa che quest’ultima comincia a dare segni di arretramento.

Veniamo quindi alla fase più operativa ed iniziamo con il presentare il certificato:

Continua a leggere…

Titoli petroliferi per un 11.5% all’anno anche se facessero -50%

Condividi

Prima di iniziare permettetemi di ringraziare in ordine strettamente cronologico: Andrea, Marco e Vitaliano che hanno effettuato una donazione la settimana scorsa. Grazie ancora, non solo per la donazione in sé, ma anche per il gesto di stima nei confronti di questo blog. È grazie a queste donazioni che il nostro progetto può proseguire con serenità. Quindi, per chi volesse contribuire a sua volta, ricordo che potete farlo a questo link.

La settimana appena trascorsa è stata intramezzata dalla festività del primo di maggio ma è stata comunque una settimana interlocutoria, con i mercati, soprattutto in Europa, che hanno cercato maggiormente i supporti più che andare a cercare le parti alte del range. Qualcosa di analogo è accaduto negli Stati Uniti fino a giovedì, mentre sorprendente è stata la seduta di ieri dove i principali indici azionari americani hanno tutti aperto in gap up realizzando una seduta piuttosto positiva. Qual è la spiegazione di questo movimento? Io (ma non m’invento nulla) la faccio risalire ai dati macroeconomici USA, in particolare gli occupati non agricoli erano attesi a 238k mentre sono stati 175k con un dato precedente di 315k . Lo stesso tasso di disoccupazione è uscito al 3,9% contro un’attesa del 3,8%.

La conseguenza di tutto questo è che il rallentamento della crescita dei posti di lavoro, la crescita della disoccupazione ed i livelli salariali sotto le attese rafforzano l’ipotesi che la FED possa cominciare a tagliare i tassi a settembre ed è per questo che il mercato degli Stati Uniti ha avuto un andamento piuttosto positivo soprattutto nel settore tecnologico.

Insomma, sei i dati dell’economia reale va male (o non bene come ci si aspettava), gli indici azionari aumentano: se volete la mia opinione, prima o poi, non so quando, questa divergenza esploderà.

Per gli stessi motivi di cui sopra abbiamo assistito ad un’ondata di vendite sui titoli bancari infatti il peggior indice di ieri è stato proprio l’Eurostoxx Banks. Se il trend negativo dovesse continuare nel settore bancario, con un inevitabile aumento della volatilità, considerando anche che sono titoli mediamente ad alto dividendo, riusciremo a vedere dei certificati molto interessanti…

Avrete anche notato come ultimamente non ho scelto mai certificati su questo settore (al massimo c’era qualche titolo bancario nel paniere ma non come wrost of) proprio per attendere questo tipo di eventi.

In questa fase di transizione ho deciso di entrare in un settore, quello petrolifero, che è un po’ meno coinvolto in queste dinamiche.

Il certificato è il seguente:

Continua a leggere…

Investire nei semiconduttori per oltre il 12.5% e tanta protezione

Condividi

Settimana contestata sui mercati azionari in cui possiamo individuare la prima metà come accelerazione della collezione già in atto la settimana scorsa, per poi nelle ultime due sedute ritentare un rimbalzo verso l’alto. Un esempio di questo andamento è sicuramente l’indice Nasdaq Come riportato nei grafico sottostante:

La frase collettiva potrà dirsi conclusa se andremo a superare i massimi recenti, altrimenti è destinata a proseguire. Anche in quest’ultimo caso staremo comunque parlando di un ritracciamento all’interno di una configurazione rialzista.

Prima di venire alla strategia di questa settimana voglio ricordarvi che chiunque voglia contribuire all’indipendenza e alla continuazione di questo blog, può farlo con una donazione volontaria cliccando qui.

Oggi ci andremo ad occupare di un settore che negli ultimi anni è stato sempre sulla cresta dell’onda e che con tutta probabilità rimarrà tale anche nei prossimi anni, ossia quello dei semi conduttori.

Il certificato proposto è il seguente:

Continua a leggere…

Guadagnare anche a fronte di un -70%, si può!

Condividi

La settimana appena trascorsa ha confermato la fase di ritracciamento già avviata nelle scorse settimane. Siamo ancora lontanissimi dal potere definire questo movimento come un’inversione di tendenza, bensì siamo ancora di fronte ad un riassorbimento dell’ipercomprato generato nei mesi passati.

Prendendo come esempio il FTSE MIB possiamo notare che finché non si vada a rompere la quota 30000 punti, evidenziata dalla Linea Blu più in alto, non si potrà certo parlare di inversione di tendenza.

Per quanto riguarda il Nasdaq il ribasso è anche più marcato e vi faccio notare che il formaggio di nuovi massimi crescenti in corrispondenza di massimi decrescenti sull’indice stocastico, ha, alla fine, spostato il ribasso che stiamo osservando nelle ultime sedute.

Avevo già individuato questo tipo di divergenza a fine gennaio / inizio febbraio, ma ci sono voluti ancora circa 3 mesi prima che questo Pattern si realizzasse.

Fatta questa prima analisi generale dei mercati permettetemi di illustrarmi la novità di questa settimana che avevo anticipato nello scorso post.

Come hai scritto la volta scorsa chi tengo affinché questo blog rimanga sia gratuito sia indipendente, ossia che i prodotti qui presentati non vengano sponsorizzati da alcun emittente.

Fortunatamente mi trovo nelle condizioni di poter scegliere e quindi di non dovere a tutti i costi rincorrere le varie proposte di monetizzazione di questo sito. Ad ogni modo, fa sempre piacere avere dei feedback di apprezzamento da parte di voi lettori che immagino siate anche investitori.

Ho deciso così di avviare una raccolta fondi del tutto volontaria, ossia nessun contenuto di questo sito sarà sottoposto a un pagamento di qualsiasi tipo. Quindi se apprezzate qualche articolo o se seguendo alcune analisi riportate in questo sito avete guadagnato una certa cifra potete pensare di lasciare una donazione (se volete anche simbolica) cliccando sul link in alto a destra. Potete pagare sia con carta di credito che con PayPal da quello che ho visto.

Affinché la trasparenza sia massima ho voluto riportare in questo sito la cifra che mano a mano si andrà a raccogliere.

Detto ciò veniamo al certificato della settimana.

Continua a leggere…

Addio ai fondi obbligazionari: ecco un’alternativa molto più sicura

Condividi

In questo post presenterò un altro certificato a capire interamente protetto veramente molto interessante che può andare a sostituire fondi od ETF obbligazionari, poi in fondo vi accennerò ad un possibile cambiamento del sito.

Come di consueto partiamo dalla settimana appena trascorsa: i mercati finanziari hanno subito notevoli fluttuazioni a causa dell’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti e delle tensioni geopolitiche nel Medio Oriente, che persistono ad alti livelli. Il dato sull’inflazione statunitense del mese di marzo era molto atteso dopo due segnalazioni superiori alle previsioni. Tuttavia, anche questa volta si è registrato un aumento superiore alle attese, con un incremento mensile dell’0,4% sia per l’inflazione generale che per quella core. Questo porta i tassi di inflazione annuale rispettivamente al 3.5% e al 3.8%. Tale risultato ha ridotto le aspettative di un taglio dei tassi da parte della FED a giugno, ora stimato con una probabilità inferiore al 30%. In realtà, la FED sembrava già orientata verso un taglio dei tassi a giugno, come suggerito da Powell. Tuttavia, alcuni membri del consiglio direttivo ora attribuiscono pari importanza alla stabilità dei prezzi e al raggiungimento del pieno impiego. Ciò potrebbe significare che la FED potrebbe tagliare i tassi anche senza ulteriori segnali di ribasso dell’inflazione, per sostenere l’economia. La FED è consapevole che la sua posizione è considerata accomodante rispetto alla robustezza dell’economia e ai dati sull’inflazione, ma attende di vedere se ciò si tradurrà in un aumento delle aspettative inflazionistiche o in una pressione rinnovata sui rendimenti a lungo termine prima di decidere il taglio a giugno. Se le aspettative di inflazione aumentano, la FED potrebbe rimandare ulteriormente il taglio.

Ho più insistito su questo blog come la politica monetaria della FED sia tirata in direzioni opposte da esigenze divergenti, quindi non tornerò sull’argomento.

Diversa è la situazione in Europa dove la dinamica dell’inflazione sembra abbastanza più debole di quella americana.

Se si seguissero logiche puramente economiche la BCE avrebbe già dovuto tagliare i tassi (anzi come sapete Secondo me non sarebbe dovuti neanche arrivare agli attuali livelli visto che gran parte dell’inflazione è generata per cause esogene come le guerre in corso e l’aumento dei prodotti petroliferi e delle materie prime in generale), ma sappiamo che ormai l’euro non è altro che un proxy del dollaro che che dica la governatrice della Banca Centrale Europea.

Ad ogni modo ritengo plausibile che la differenza tra tassi di interesse e andamento dell’inflazione non possa continuare a divergere per tanto tempo. Naturalmente potrei però sbagliarmi né posso identificare il momento in cui i tassi inizieranno a scendere.

Proprio per questo motivo ho deciso di effettuare uno swap tra tre etf obbligazionari che ho in portafoglio a favore del seguente certificato.

Il prodotto in questione non rilascia cedole ma ha come sottostante un indice che vado subito a riportare come traduzione dal sito ufficiale di Leonteq:

Continua a leggere…

Bevande ed alimentare per oltre il 9% all’anno

Condividi

Rieccoci dopo la pausa Pasquale. Gli indici questa settimana hanno cominciato a manifestare alcuni segni di debolezza (era anche ora), anche se il trend rialzista non è ancora stato messo in discussione. L’indice NASDAQ sta attraversando una fase di lateralità mentre il FTSE MIB nell’ultima giornata di venerdì ha aperto un Gap down abbastanza evidente.

Come al solito sarà necessario monitorare gli andamenti nelle giornate future per capire se si tratta di una correzione più profonda oppure di un semplice e breve storno.

In questo stato di incertezza ho colto l’occasione di acquistare un certificato con tre titoli sottostanti che a me sono sempre piaciuti e che penso pochi abbiano nel proprio portafoglio. Per quanto mi riguarda invece due di tre titoli sottostanti al certificato li ho anche già in portafoglio (Pepsico e Starbucks) mentre il terzo (Kellogg) è già presente da tempo nella mia watchlist. La scelta del settore alimentare e delle bevande non è un caso, infatti ritengo che sia tre settori più resilienti nel comparto azionario e soprattutto hanno comunque mostrato dei margini di crescita costanti nel tempo.

Di seguito inizierò con il presentare un’analisi di tre titoli sottostanti PepsiCo, Starbucks e Kellogg. esaminiamo i loro punti di forza e di debolezza, le loro performance recenti e le loro prospettive future. Passerò poi ad un’analisi più specifica sul certificato stesso.

Continua a leggere…

Investire in oro senza il rischio (o quasi) di perdere soldi

Condividi

Il post di questa settimana sarà molto sintetico ma spero comunque interessante. Continua la corsa degli indici azionari e non solo, sta crescendo un po’ tutto e vedremo nel seguito dell’articolo un caso particolare a questo riguardo. Da quando avevo individuato il canale laterale del FTSE MIB e la sua relativa lettura, seppure avevo anticipato che tale rottura avrebbe comportato un rialzo dei pezzi, io stesso non avrei mai immaginato una forza come quella che si è espressa nelle settimane seguenti come testimonia il grafico sottostante:

Come anticipavo i ragazzi delle quotazioni non riguardano solo i titoli azionari ma anche quelli obbligazionari ed addirittura un bene rifugio come l’oro che solitamente ha una correlazione inversa rispetto alle azioni. Ne ho parlato diverse volte in questo blog come sia sempre una regola utile avere parte del proprio portafoglio investita in oro o con prodotti collegati adesso in modo tale da avere una sorta di heigding rispetto alla parte restante del portafoglio stesso. In uno degli articoli a tal riguardo ho proposto l’etf che potete rivedere in questo post: “Investire in oro senza dover mettere i lingotti in cassaforte”.

Al momento della scrittura dell’articolo citato, l’oro cambiava sotto i 2000 dollari l’oncia, oggi siamo sicuri 2165 dollari con un forte rally nelle ultime sedute, come si può vedere dal grafico sottostante:

Le ragioni che mi sono dato come motivazione per tale rialzo sono:

1 – la debolezza del dollaro, infatti nell’articolo di cui sopra ho segnalato un prodotto che sterilizzasse il rischio cambio.

2 – fu la seconda probabilmente non tutti saranno d’accordo ma, a mio avviso, le continue sanzioni economiche che l’occidente sta mettendo nei confronti della Russia ed in particolare sul congelamento dei beni nelle banche, sta facendo perdere fiducia nel sistema di circolazione dei capitali per cui molti agenti economici esteri stanno probabilmente cercando asset alternativi non così facilmente bloccabili.

A livello operativo sto pensando di liquidare la mia posizione in guadagno sull’ETF citato per posizionarmi sul certificato a capitale completamente protetto di cui riporto le caratteristiche di seguito:

Come potete notare il certificato è a capitale completamente protetto ossia verrà rimborsato a €100 a prescindere dall’andamento del metallo giallo. In realtà, poiché oggi si compra a 101.5€, un piccola perdita potrebbe essere possibile. A fronte di ciò il certificato replicherà l’andamento del sottostante fino ad onda rialzo del 11%, ossia il certificato per rimborsato al massimo a 111€.

L’idea di fondo è sostanzialmente quella di rimanere investiti in oro ma proteggersi completamente (o quasi) da eventuali ribassi. Se poi l’oro dovesse aumentare di più dell’11% (ulteriore) in un anno e 9 mesi scarsi me li farò una ragione.

Tengo infine a precisare che, come tutti i post di questo blog, questo non vuole essere assolutamente un invito all’acquisto, bensì un analisi indipendente fatta in questi giorni dal sottoscritto.

Spero di aver fatto cosa gradita lasciando link diretti a tutti i dati senza passare per servizi di pubblicità. Per questo mi auguro che siate così gentili, vista la completa gratuità del sito, di fare almeno un click su un banner presente nella pagina e mettere un like se l’articolo è di vostro gradimento.

Vi ricordo che chiunque voglia essere tempestivamente informato sulle novità pubblicate dal blog può iscriversi alla mailing list qui a destra. Inoltre tenete presente che l’iscrizione è portata a termine solo se viene confermata dopo aver cliccato sul link che vi verrà spedito a seguito dell’immissione della vostra email alla mailing list.

Un’interessante storia di money management

Condividi

Altra settimana sfavillante per indici azionari con l’indice italiano FTSE MIB che è andato a stirare i 34000 punti. Attenzione però Perché come potete notare dal grafico sottostante sembra che si stia configurando un pattern di inversione sia perché abbiamo tre candele consecutive che sono state respinte a quota 34.000 sia perché l’indice stocastico ha cominciato ad incrociare dall’alto verso il basso dopo aver segnalato per molto tempo un’area di ipercomprato a quota 100.

Visto che in questa settimana è scaduto il certificato che avevo presentato in questo post: Atlantia e Nexi per un 8.6% e tanta protezione mi piace cogliere l’occasione per ricostruire brevemente la storia di questa strategia per poi presentarne gli sviluppi.

Tutto era partito da un investimento concluso sotto la Pari, in particolare di questo certificato: Recuperare il 25% ed anche oltre

Avendo però scelto l’airbag come meccanismo di salvaguardia in caso di perdita, la perdita che sono andato a consolidare è stata comunque di gran lunga minore di quella che avrei subito senza questa opzione. Ridurre le perdite significa poi avere ancora a disposizione il capitale necessario per poter recuperarle e magari chiudere l’operazione complessiva in profitto. Naturalmente naturalmente ciò che si paga è il tempo maggiore, ma nessun pasto è gratis. Così ho scelto quest’altro certificato Recuperare il 25% ed anche oltre per poter recuperare in toto le perdite (25 euro a certificato) ed avere comunque un rendimento spalmato nei successivi due anni di 49 euro, con un guadagno complessivo quindi di 24 euro in due anni per certificato, se ci pensate un bel ribaltamento della situazione.

Ho voluto ricostruire questa strategia per una serie di ragioni.

La prima è l’importanza della conservazione del capitale, o detta in maniera più prosaica: ” la prima regola per fare soldi e non perderli”, infatti se avessi subito una perdita lineare con il titolo Nexi difficilmente avrei potuto mettere in atto una contromisura che in due anni non sono recuperarsi le perdite ma mi garantisce un buon ritorno.

La seconda mi è venuta in mente navigando un po’ su YouTube su vari tipi di pseudo esperti che riescono a guadagnare sempre e comunque. Mi verrebbe da dire che se cercate questi “fuffa guru”, penso che questo blog possa darvi solo dei dispiaceri, infatti qui si abbina una divisione macro economica complessiva ad approcci meramente statistici sui prezzi di titoli o indici. Trattandosi di statistica è naturale che alcune posizioni non si chiudano come sperato, ma penso che ormai abbiate capito benissimo che l’importante è che le probabilità complessive del nostro portafoglio giochino a nostro favore.

Come si prosegue quindi ora? Una volta portato a casa il nostro guadagno, visti i livelli estremamente tirati di tutti gli indici azionari, mi sto orientando verso un prodotto estremamente conservativo che riporto di seguito:

Continua a leggere…