Intesa San Paolo: il 7.5% in un anno

Condividi

La settimana appena trascorsa ha registrato un ulteriore aumento nei mercati azionario e obbligazionario. L’indice S&P 500 ha già segnato un incremento del 10% rispetto ai minimi toccati il 27 ottobre, mentre i rendimenti del Treasury a 10 anni si sono ridotti di circa 60 basis points rispetto al picco del 5.02% registrato il 23 ottobre. Il dollar index mostra una diminuzione del 3.3% rispetto ai massimi del 3 ottobre.

Questo entusiasmo è stato scatenato dai dati sull’inflazione statunitense, che sono risultati inferiori alle aspettative. L’inflazione “headline” è stata del 3.2% su base annua (invariata rispetto al mese precedente), al di sotto delle aspettative del 3.3%. Inoltre, l’inflazione “core” è stata del 4%, rispetto all’attesa del 4.1%.

Sarà molto interessante nei prossimi mesi verificare due cose:

Continua a leggere…

Fare il 30% all’anno: possibile ma bisogna correre rischi

Condividi

I mercati finanziari hanno registrato una settimana di rialzi, nonostante la persistente paura di una prossima recessione. Il rallentamento dell’economia in Europa e in America, causato dai rialzi dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, ha contribuito a alimentare questa preoccupazione.

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha dichiarato che l’inflazione non è stata sconfitta e che potrebbe essere necessario aumentare ulteriormente i tassi di interesse nei prossimi mesi. Al contrario, gli esponenti della Banca Centrale Europea hanno annunciato che i rialzi dei tassi di interesse sono prossimi alla fine. Non c’è bisogno che vi ripeta che a mio avviso le politiche monetarie attuali hanno in realtà un fine differente da quello dichiarato, ossia la “lotta all’inflazione”, bensì calmierare le rivendicazioni salariali oggi in atto soprattutto negli USA.

Ad ogni modo, queste dichiarazioni contrastanti hanno creato confusione tra gli investitori, che stanno cercando di capire quale sarà la traiettoria delle politiche monetarie delle principali banche centrali.

La situazione economica rimane incerta e il rischio di recessione è ancora presente. Tuttavia, i mercati finanziari sembrano aver iniziato a prendere in considerazione la possibilità che le banche centrali possano iniziare a rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi di interesse.

Se questa tendenza dovesse proseguire, potrebbe portare a un miglioramento dell’umore degli investitori e a ulteriori rialzi dei mercati finanziari.

In questo contesto propongo una strategia che, premetto fin da subito, ha un alto grado di rischio.

L’ottica nella quale ho elaborato tale strategia è quella di recuperare alcuni ribassi di certi certificati che non stanno performando come mi aspettavo. Tale strategia comunemente nominata come recovery e consiste sostanzialmente nell’andare a cercare un altro certificato che sia altrettanto deprezzato ma che offra maggiori possibilità di rendimento rispetto a quello che si vende. Va da sé che comunque un certificato che è abbondantemente sotto la parità esprima comunque un grado di rischio maggiore di quello che esprimeva al momento della sua emissione, così come avrà naturalmente un rendimento più alto rispetto all’inizio.

Vediamone subito le caratteristiche:

  • Tipo: Cash Collect Memory (Portafoglio CED)
  • ISIN: DE000UH4NHD0
  • Sottostanti: Stellantis / Volkswagen
  • Cedola: 2,19% Trimestrale
  • Scadenza: 17/11/2026
  • Barriera: 11,6714€ / 104,58€

Una peculiarità di questo certificato è che in realtà ha due barriere: Una un po’ più alta per il godimento della cellula l’altra un po’ più bassa per la restituzione integrale del capitale. Di sopra ho riportato solo quella relativa al capitale mentre nel grafico di sotto le riporto entrambe per il titolo peggiore ossia Volkswagen:

Come potete vedere siamo proprio a ridosso della barriera per la cedola e leggermente più lontani dalla barriera di capitale. Inoltre due settimane fa, quando sono entrato io, eravamo proprio in mezzo alle due barriere. Se l’analisi si fermasse qui tutto sommato questo certificato non dovrebbe neanche essere preso in considerazione, ma dobbiamo fare i conti con il prezzo di acquisto attuale: 67.45€.

A questi prezzi il rendimento cedolare annuo è pari al 13% , che moltiplicato per i 3 anni rimanenti fa il 39% potenziale. Acquisto va aggiunto il rendimento da Capitale che sono 32.55€ per certificato, ossia 52,7% in tre anni. Facendo le somme quindi abbiamo un rendimento complessivo a scadenza di quasi 92%, ossia potenzialmente recuperare ribassi accumulati fino al 48% (1-1/1.92)*100.

La tua mente nessun pasto è gratis e quindi la probabilità che il titolo peggiore vada sotto barriera è comunque rilevante.

Fin qui vi ho dato tutti i parametri oggettivi del certificato, ora per concludere permettetemi di fare un paio di considerazioni personali:

1) non è necessario che il titolo Volkswagen salga, chi potremmo anche accontentare che rimanga più o meno su questi livelli. Personalmente ritengo che da qui a tre anni sia più probabile trovare questo titolo un po’ più alto dei prezzi attuali che non il contrario non fosse altro per un adeguamento all’inflazione.

2) in queste strategie secondo me va sempre messo poco capitale: Se perdete, perdete comunque poco; se guadagnate guadagnate comunque circa il doppio del capitale investito. Per quale motivo ad esempio io utilizzo questo tipo di strategie solo reinvestendo il capitale liberato da certificati molto deprezzati e mai impiegando liquidità nuova. Naturalmente poi ognuno ha il proprio stile di gestione.

Tengo infine a precisare che, come tutti i post di questo blog, questo non vuole essere assolutamente un invito all’acquisto, bensì un analisi indipendente fatta in questi giorni dal sottoscritto.

Spero di aver fatto cosa gradita lasciando link diretti a tutti i dati senza passare per servizi di pubblicità. Per questo mi auguro che siate così gentili, vista la completa gratuità del sito, di fare almeno un click su un banner presente nella pagina e mettere un like se l’articolo è di vostro gradimento.

Vi ricordo che chiunque voglia essere tempestivamente informato sulle novità pubblicate dal blog può iscriversi alla mailing list qui a destra. Inoltre tenete presente che l’iscrizione è portata a termine solo se viene confermata dopo aver cliccato sul link che vi verrà spedito a seguito dell’immissione della vostra email alla mailing list.

Aggiornamento

Condividi

Questa settimana purtroppo non sono riuscito a ricavarmi il tempo necessario per la preparazione di un articolo. Ho comunque già individuato il prodotto poiché sono entrato proprio due giorni fa e vi posso già anticipare che l’articolo della settimana prossima verterà su una strategia “recovery”, ossia un’idea su come sostituire quei certificati o in generale in quei prodotti che hanno perso tra 30% e il 50%.
Quindi stay tuned!

Raddoppiare i guadagni dei fondi obbligazionari senza perdere mai!

Condividi

Questa settimana torniamo a parlare di obbligazioni presentando un prodotto veramente attrattivo soprattutto per coloro che hanno un orizzonte di investimento di medio termine ed un profilo di rischio estremamente basso. Abbiamo già parlato delle dinamiche dei prezzi delle obbligazioni in funzione delle rialzo di tassi di interesse (oh simmetricamente del loro ribasso). L’ultimo anno e mezzo è stato il peggior periodo della storia per quanto riguarda i treasury americani e più in generale del Mercato dei Bond. Considerate che dal picco del 2020 alla fine del 2022 un treasury decennale ha perso circa il 25% ed il 2023 non è stato di sicuro un anno migliore.

Sapete che da tempo sostengo che la politica monetaria restrittiva messa in atto dalle banche centrali abbia solamente come scusa “la lotta all’inflazione”, ma che in realtà abbia come vero obiettivo di soffocare le recenti rivendicazioni salariali che Soprattutto negli Stati Uniti stanno prendendo piede.

In quest’ottica una recessione sarebbe quasi auspicabile dal loro punto di vista. Se questo poi arriverà è tutt’altro paio di maniche. Infatti la necessità geopolitica di riportare alcune produzioni strategiche dentro i confini nazionali e l’aumento spropositato delle spese militari per sostenere il conflitto in Ucraina e il più decente tra Palestina ed Israele non potrà far altro che aumentare la domanda aggregata interna ed aumentare anche la domanda di lavoro.

Sarà quindi interessante vedere quale sarà il punto di caduta tra queste due forze economiche apparentemente divergenti.

Specularmente anche noi investitori ci troviamo di fronte ad un dilemma analogo: Dal lato siamo tentati da rendimenti e prezzi obbligazionari che non si vedevano da decenni, dell’altro è difficile capire quando questa politica monetaria restrittiva terminerà, quindi non è assolutamente detto che stiamo osservando i minimi del mercato obbligazionario.

Per risolvere questo problema ho trovato un prodotto che offre delle caratteristiche secondo me non banali, iniziamo con i suoi dati:

Continua a leggere…

Un posizione tattica per un 16.5% all’anno

Condividi

Due settimane dopo l’attacco di Hamas a Israele, la tensione nella regione è ancora alta. L’invasione di Israele a Gaza, che si temeva all’inizio, non è ancora avvenuta, ma gli investitori sono preoccupati.

Il clima di avversione al rischio ha portato a un calo degli asset considerati tradizionalmente come rifugi sicuri, come i titoli di stato statunitensi. Il grafico mostra che il rendimento dei Treasuries a lunga scadenza ha registrato un calo, insieme al mercato azionario. Il dollaro è rimasto stabile, mentre petrolio, oro e bitcoin hanno registrato un aumento.

Alla luce di queste considerazioni ritengo opportuno per lo meno per le prossime settimane di assumere esclusivamente posizioni tattiche e quindi non di lungo termine. Naturalmente se in futuro i prezzi cominciassero ad assumere dei livelli interessanti allora comincerò anche a valutare posizioni di più ampio respiro.

Proprio in questa ottica sono entrato la settimana scorsa nel seguente certificato:

Continua a leggere…

Un’opportunità sul lusso italiano: Moncler

Condividi

Nel post di oggi riporto un’operazione che ho aperto nella giornata di Giovedì direttamente sul titolo Moncler per il mio portafoglio di medio-lungo termine, quindi un titolo che è destinato a rimanere lì per un po’ di tempo. Prendendo poi spunto da ciò presenterò anche un certificate che ha come unico sottostante la stessa Moncler con un rendimento potenziale del 9,3% annuo.

Continua a leggere…

Come guadagnare anche con ribassi fino a -72%

Condividi

Chi mi segue da un po’ sa che i rialzi dei mesi precedenti mi lasciavano alquanto perplesso, soprattutto alla luce non tanto e non solo per le politiche monetarie delle banche centrali, ma più che altro per i “driver” che le stanno spingendo.

Sapete che la mia visione personale parte dal fatto che il vero obbiettivo è quello di sedare le rivendicazioni salariali che stanno emergendo soprattutto in America, ad esempio si legga questo articolo. D’altro canto il sistema monetario non potrà mai essere così restrittivo da massacrare l’industria manufatturiera come fu fatto all’inizio degli anni 90, questo perché nei prossimi anni, soprattutto gli Stati Uniti, dovranno riportare a casa od a casa di qualche Fedele alleato fa parte della produzione industriale fino ad oggi concessa alla Cina.

Sarà interessante nei prossimi mesi, o meglio ancora anni, vedere quale sarà il punto d’equilibrio tra queste due esigenze contrapposte.

Di fronte a scenari così incerti ho trovato un certificato che presenta un grado di protezione veramente raro ma che al contempo offre anche un rendimento di tutto rispetto poco sotto il 9% l’anno, analizziamone le caratteristiche:

Continua a leggere…

Opportunità sul settore delle public utilities per oltre il 10% annuo

Condividi

Per motivi di tempo il post di oggi sarà estremamente breve e andremo direttamente al punto. Continua il ribasso degli indici azionari dovuto essenzialmente al fatto che nei mesi precedenti, come più volte sottolineato in questo blog, gli operatori finanziari scontavano una politica monetaria che sarebbe diventata meno restrittiva in poco tempo. L’atteggiamento invece delle banche centrali sta dando tutt’altra prospettiva ed è per questo che sia gli indici obbligazionari che quelli azionari stanno a riguardo le proprie quotazioni.

In più c’è da aggiungere che statisticamente il mese di settembre è sempre tra i peggiori dell’anno e soprattutto per quanto riguarda l’ultima settimana. Sempre rimanendo nel campo della statistica possiamo affermare che il mese appena iniziato è più favorevole così come lo è in generale l’ultimo trimestre dell’anno.

Uno dei settori che nell’ultima settimana è stato preso di mira è quello delle public utility niente perché è un settore che più di altri fa ricorso alla leva finanziaria ma se lo può anche permettere dati i suoi derivati livelli di cash flow. Nel medio termine questo settore è sempre rivelato più stabile della media di mercato ed è per questo che uno Spike dei prezzi è un occasione per entrare con un certificato:

  • Tipo: Fixed Cash Collect Callable
  • ISIN: XS2581830887
  • Sottostanti: A2A / 1,6655 Enel / 6,111 Engie / 14,356
  • Cedola: 1,98% trimestrale
  • Scadenza : 29/06/2026
  • Barriera: 1,6655€ / 6,111€ / 14,356€

Il titolo peggiore è Enel e potete notare dal grafico settimanale quanto sia lontana la barriera e soprattutto dov’è posizionata nello storico dei prezzi:

Una cosa interessante di questo certificate è che le cedole sono fisse, cioè non dipendono dall’andamento dei sottostanti e questo rappresenta un ottimo cuscinetto anche in caso di violazione delle barriere.

Ho acquistato il certificate a 944€, a questi prezzi il certificate produce un rendimento cedolare pari a circa 8,4% a cui va aggiunto un circa 2,3% annuo di capitale che porta il rendimento totale quindi a circa il 10,7%.

Considerando la protezione delle barriere e il fatto di avere cedole garantite penso che il rapporto rischio / rendimento sia veramente vantaggioso.

Tengo infine a precisare che, come tutti i post di questo blog, questo non vuole essere assolutamente un invito all’acquisto, bensì un analisi indipendente fatta in questi giorni dal sottoscritto.

Per questo mi auguro che siate così gentili, vista la completa gratuità del sito, di fare almeno un click su un banner presente nella pagina e mettere un like se l’articolo è di vostro gradimento.

Vi ricordo che chiunque voglia essere tempestivamente informato sulle novità pubblicate dal blog può iscriversi alla mailing list qui a destra. Inoltre tenete presente che l’iscrizione è portata a termine solo se viene confermata dopo aver cliccato sul link che vi verrà spedito a seguito dell’immissione della vostra email alla mailing list.

Il momento giusto per tornare sui BTP? Ecco un’analisi

Condividi

Questa settimana tratterò un argomento che solitamente non è al centro delle strategie di questo sito, ossia quelle delle obbligazioni. L’intento di questo articolo è principalmente quello di fornire una spiegazione a tutti coloro che negli anni scorsi hanno investito in fogli obbligazionari o direttamente in obbligazioni pensando di fare una scelta molto conservativa, ed invece si sono trovati con un forte deprezzamento dei loro investimenti.
Premetto subito che ci saranno un po’ di formule, lo stretto necessario per comprendere quale sia la dinamica dei prezzi quando aumentano i tassi di interesse.

La formula che lega il prezzo di un’obbligazione al variare dei tassi di interesse è chiamata “formula di valutazione delle obbligazioni” o “formula del valore presente”. Questa formula è rappresentata come segue:

Continua a leggere…

Un 8% l’anno con un prodotto super protetto

Condividi

I mercati azionari globali hanno chiuso la settimana in calo, dopo un inizio positivo. Il FTSE MIB italiano ha perso lo 0,20%, a 28.870,80 punti, mentre lo S&P 500 statunitense ha perso l’1,09%, a 4.459,45 punti. Il Nasdaq Composite, che riunisce le principali società tecnologiche, ha perso l’1,74%, a 14.155,91 punti.

L’Euro Stoxx 50, l’indice azionario principale dell’area euro, ha perso lo 0,65%, a 3.541,80 punti.

L’andamento contrastato dei mercati azionari riflette l’incertezza che ancora caratterizza l’outlook economico globale. Da un lato, i dati sull’inflazione statunitense, pubblicati giovedì 14 settembre, sono risultati in linea con le attese, attestandosi al 7,3% su base annua. Questo ha contribuito a ridurre i timori di un’azione aggressiva da parte della Federal Reserve, che potrebbe portare a un rallentamento della crescita economica.

Dall’altro lato, lo sciopero dei lavoratori dell’automotive negli Stati Uniti, iniziato lunedì 11 settembre, ha pesato sull’economia statunitense e ha fatto temere un rallentamento della produzione industriale.

Nel complesso, l’andamento di questa settimana suggerisce che i mercati azionari sono ancora volatili e che gli investitori rimangono prudenti.

Come sostengo da tempo, le prospettive future per i mercati azionari restano incerte. Da un lato, la crescita economica globale dovrebbe continuare a migliorare, grazie alla ripresa della Cina e questo potrebbe sostenere l’appetito al rischio degli investitori.

Dall’altro lato, l’inflazione rimane un rischio significativo, che potrebbe portare a un aumento dei tassi di interesse e a un rallentamento della crescita economica.

Inoltre, la guerra in Ucraina rimane un fattore di incertezza, che potrebbe avere un impatto negativo sull’economia globale.

Gli investitori dovrebbero monitorare attentamente questi fattori e adattare le proprie strategie di investimento in base all’evoluzione dell’outlook economico globale.

Proprio per questi motivi, il prodotto che presento questa settimana è adatto a chi presenta un profilo di rischio estremamente moderato:

Continua a leggere…